Applausi.... e te ne vai.

Carezzato appena, si sposta il limite di un’altro ancora.

Cresce d’ombra, mi grida d’attesa
rigetta asciutta e cruda, una felicità che vale di pena
in piena a trascinare in valle l’appena dopo.

Si schiera in fila all’orizzonte
al mio un dolore
nello svegliarmi ancora solo.
Non trovo la misura...

Rinnego al rimedio

D’arsura è per cura
d’un metro incerto e stanco
che non incrina il mio viandare.

e schiantala la luce
se te ne vai....

Bookmark and Share

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

(Goethe!) Young Goethe in love (sub ita) un film di Philipp Stölzl (2010)

Poesia: Gli alberi di Franco Fortini

Pied Beauty - La bellezza cangiante poesia di Gerard Manley Hopkins