Omaggio ad Edoardo Sanguineti



nella mia vita ho già visto le giacche, i coleotteri, un inferno stravolto da un Doré, il colera, il mare, i marmi: e una piazza di Oslo, e il Grand Hotel des Palmes, le buste, i busti:

ho già visto il settemezzo, gli anagrammi, gli ettogrammi, i panettoni, i corsari..., i casini, i monumenti a Mazzini, i pulcini, i bambini, Ridolini

ho già visto i fucilati del 3 maggio (ma riprodotti appena in bianco e nero), i torturati di giugno, i massacrati di settembre, gli impiccati di marzo, di dicembre: e il sesso di mia madre e di mio padre: e il vuoto, e il vero, e il verme inerme, e le terme

ho già visto il neutrino, il neutrone, con il fotone, con l’elettrone (in rappresentazione grafica, schematica): con il pentamerone, con l’esamerone: e il sole e il sale e il cancro, e Patty Bravo: e Venere, e la cenere: con il mascarpone (o mascherpone), con il mascherone, con il mozzocannone: e il mascarpio (lat:), a* manuscarpere

ma adesso che ti ho visto vita mia, spegnimi gli occhi con due dita, e basta.


Un video che ho trovato su Youtube.
In ricordo d'un grande poeta scomparso.

« La poesia non è una cosa morta, ma vive una vita clandestina. »

(Edoardo Sanguineti )

Post popolari in questo blog

(Goethe!) Young Goethe in love (sub ita) un film di Philipp Stölzl (2010)

Poesia: Gli alberi di Franco Fortini

Pied Beauty - La bellezza cangiante poesia di Gerard Manley Hopkins