Poesia: Ucciderò di Ed Warner


Ho da dire
di sangue rappreso
di mani ed a memoria anche il viso
tra le pieghe d'un sangue
annegato in routine.

Ho già stretto amicizia
con demoni stracchi
che nemmeno credevo di poter salutare.
E sbugiardare una tautologia
lasciandomi fottere forte
nel profumo di schiena.


M'ascolto quel sangue
lo vorrei ritornare
ma se schianto la testa
è per poterla scoprire.

E' un dolore nel petto
da dover ringraziare
ma che d'estasi parla, e ricordo
d'amore, e la fine d'un sogno,
e d'un' alba laggiù.

Se smettessi d' urlare
potrei sentirlo di più
ma se m'ascolto le mani
eccolo ancora, eccolo là
a disperare al petto,
un pianto lo posso tenere.

Ne ho abbracciata di fortuna
torta al collo e poi buttata
in una piega giù al sorriso
che porto
vuoto
a rendere me.

Post popolari in questo blog

(Goethe!) Young Goethe in love (sub ita) un film di Philipp Stölzl (2010)

Poesia: Gli alberi di Franco Fortini

Pied Beauty - La bellezza cangiante poesia di Gerard Manley Hopkins