IN(UTILE) COME UNA POESIA-Mantova 19 febbraio



Domenica 19 febbraio 2012
ore 17.00MELBOOK STORE, Via verdi 50, Mantova

letture poetiche di:

ANDREA GARBIN vive e lavora in provincia di mantova. Ha pubblicato le raccolte di poesie "Il senso della musa" e "Lattice" (Fara, 2009), e poesie inedite sulle antologie "Salvezza e impegno" e "Il valore del tempo nella scrittura", racconti sulle antologie "Per natale non esco" e "Il rumore degli occhi" (Edizioni Creativa, 2009). Collabora con Casa della poesia di Baronissi (SA) e dirige gli incontri letterari presso il Caffè Galeter di Montichiari (BS) dove ha presentato e si è esibito con numerosi poeti, tra gli altri Elisa Biagini, Jack Hirschman, Paul Polansky, Mark Lipman, Agneta Falk, Neeli Cherkowski, Antonieta Villamil, Alexandra Petrova, Dave Lordan, e dove ha fondato il "Movimento dal sottosuolo" scrivendone il Manifesto dal sottosuolo. Nel 2010 l’incontro con Fernando Arrabal per cui traduce, in dialetto mantovano, i poemi La mia idolatrata fellatrice e Clitoris. Dallo stesso anno fa parte del comitato di organizzazione del Premio Letterario Giuseppe Acerbi. Con Fabio Barcellandi è curatore, per la regione lombardia, della collana poetica itinerante di Thauma Edizioni. Nel giugno 2011 è tradotto da Dave Lordan per l’antologia “Poethree – new italian voices” presentato con una tournè in Irlanda. Ha pubblicato “Border Songs” (Canti di Confine) per i tipi di C.C.Marimbo, Berkley, negli U .S.A. – versione bilingue curata e tradotta da Jack Hirschman. Tiene una rubrica di poesia sul mensile Corriere del Garda.
Oltre a scrivere si occupa di teatro. Ha collaborato con il Living Theatre, seguito laboratori con Julia Varley e partecipato al baratto culturale presso i Trivellini (BS) diretto da Kai Bredholt dell’Odin Teatret. Nel 2011 è tra i fondatori della compagnia Teatro Scariolante. Sempre per il teatro è autore del testo “L’inferno freddo di Marlene”.

FABIO BARCELLANDI nasce a Brescia nel 1968. È parte del gruppo di poeti e artisti che anima gli incontri presso il Caffè Galeter di Montichiari, dove si è esibito in diverse occasioni: dai timidi esordi, agli ultimi affondi. È a tutti gli effetti un poeta del sottosuolo. Dicono vada a braccetto con la morte…
Collabora con Beppe Costa, col quale organizza, a Roma, gli incontri “Poeti dallo spazio” presso la libreria Pellicanolibri. Conduce laboratori di composizione e scrittura poetica per la Cooperativa Zeroventi con gli studenti della scuola secondaria di I° e II° grado. Con Andrea Garbin è curatore, per la regione lombardia, della “collana poetica itinerante” di Thauma Edizioni.
E’ membro del gruppo POESIAinCIVILE. Alcuni suoi testi sono apparsi nell’antologia “Il mercante d’inchiostro” (Farnedi Edizioni, 2006), “Tutti i colori dei bambini” (Montag, 2008) e “Quinto colore” e “365 piccoli giorni” (La Scrittura creativa di Opposto, 2009), “Poethree – new italian voices”. Ha inoltre pubblicato una prima silloge “Parole alate” (Cicorivolta, 2007) e la seconda “Nero, l’inchiostro” (Montag, 2008) e la terza “Folle, di gente” (Montag, 2011). Suoi racconti sono apparsi su “Writers Magazine Italia” e “MacWorld”. Nel 2008 vince il Premio Solaris che gli vale la pubblicazione della raccolta poetica “Nero, l’inchostro“. Nel 2009 riceve il Prix Teranova per la poesia. Ha tradotto dall’inglese poesie di Dave Lordan (Irlanda), Dianne di Prima (U.S.A.) e Richard Tillinghast (U.S.A.) ; dal portoghese poesie di Mário Quintana (Brasile); dallo spagnolo poesie di Violeta Camerati (Cile).

VALERIA RAIMONDI vive e lavora in provincia di Brescia e scrive poesie da molti anni. Nel 1991 dà vita al progetto del Gruppo Letterario Meteora di Palazzolo Sull’Oglio (Brescia), con cui collabora fino ad oggi con la stesura del “Volantino” autoprodotto che raccoglie poesie e racconti di autori locali. Presente all’interno di blog letterari, nelle pubblicazioni di Meteora e in alcune antologie quali per esempio 365 piccoli giorni agenda 2010 e IN BREVIS. Da alcuni anni si diverte a proporre e promuovere eventi culturali e reading-recital di poesia e musica in luoghi quali Caffe’ e circoli letterari, associazioni e biblioteche ma anche in luoghi meno formali: bar, stazioni, mulini, piccoli paesi di montagna. Nel 2004 e nel 2008 presenta, nell’ambito delle iniziative a sostegno di Emergency e Legambiente, lo spettacolo “Poesie in chiave di Sol” con quartetto di narratrici e clarinetti. Nell’aprile 2009 presenta un nuovo Recital con poesie e canzoni d’autore dal quale prende forma la sua prima raccolta di poesie : “Percorsi in…versi” estratte dall’omonimo spettacolo. Dal 2009, con l’attrice Bruna Bottesini e il musicista Gerardo Ferrara, propone uno spettacolo costruito sui propri testi, con incursioni musicali e suoni delle tradizioni popolari: IL RUMORE DELLA POESIA. Dal 2007 inizia la frequentazione e la collaborazione attiva con gli autori del sottosuolo al Galèter di Montichiari e nel 2010 aderisce al “Manifesto Letterario dal Sottosuolo” regolarizzando così la propria posizione! Ha pubblicato nel 2011 la sua prima raccolta di poesie intitolata "Io No ( Ex-Io )" per Thauma Edizioni.

LUCA ARTIOLI nasce a Mantova nel 1976, dove tuttora vive e lavora. Dal 2001 scrive su riviste on-line e siti letterari (come «Lietocolle» e «Salotto Letterario»), curando rubriche dedicate a scrittori esordienti. Di recente apertura il blog Il Divano Muccato. È stato ideatore e socio fondatore della “Confraternita dell’Uva”, gruppo di scrittori mantovani/modenesi. Fa parte del “Movimento Letterario dal Sottosuolo” dall'anno della fondazione. Ha pubblicato: "Fragili Apparenze" (poesie,TCC, Mantova 2005); "THE SLEEPERS
– Racconti tra sogno e veglia" (AA.VV. – Ed. Azimut, 2008); "Il rumore degli occhi" (AA.VV., Edizioni Creativa, 2009); "365 racconti erotici per un anno" (AA.VV., Ed. Delos Books, 2010). È presente con una scelta di poesie in "Salvezza e impegno" (Fara. 2010) e su “Poethree – new italian voices”.

Commenti

Post popolari in questo blog

(Goethe!) Young Goethe in love (sub ita) un film di Philipp Stölzl (2010)

Poesia: Gli alberi di Franco Fortini

Pied Beauty - La bellezza cangiante poesia di Gerard Manley Hopkins