Poesia: La sedia di Elio Delmonaco






LA SEDIA



Per fortuna ho un cielo che ascolta
                            ed un altro che aspetta

In questo angolo di notte lacustre oscurato
dai rumori dei passi
                          dai fantasmi degli avi
                                                e dal canto d'amore dei gatti.

Porto i giorni di ogni mio padre
II loro destino nelle tasche
                        nel nome
                                    e nel verbo

Semino impronte di uomo cresciuto e le lascio gelare 
su croste di neve ammucchiata
                                             
Orme così poco profonde
                  di chi non ha figli tatuati sul corpo e nel ventre
       o lingotti
       o promesse
                                da porgere in cambio.

Grazie a Dio ho ancora una bocca che bacia
          e un coltello nel pane
in questa bettola di stelle posticce incollate alla notte

In queste tazze di amplessi
            di vino invecchiato
                        e di pasta e fagioli.

Ho tre chili di cuore e del sangue
                                           da offrire

Ho una sedia di paglia intrecciata sulla quale mi siedo
ed un'altra gemella
                        (liberata al mio fianco)

            per l'amico di un tempo venturo

            per il tempo che ancora mi occorre 

(tra un sorso di rosso speziato 
                    e un coltello piantato
                                       nel ventre del pane).



Poesia di Elio Delmonaco
da P.O.P. e P. (Onirica Edizioni 2012)

Commenti

Post popolari in questo blog

(Goethe!) Young Goethe in love (sub ita) un film di Philipp Stölzl (2010)

Poesia: Gli alberi di Franco Fortini

Pied Beauty - La bellezza cangiante poesia di Gerard Manley Hopkins