Appello: Salviamo Cinecitta'

Propongo l'appello lanciatomi da Nina Marocolo
Sabato 28 luglio, dalle ore 16.00 a Cinecittà *

L’occhio è l’obiettivo. La persona è la macchina da presa. Ciò ch’emerge dai nostri singoli corpi che incamerano notizie, immagini, parole, azioni, sono dislivelli ideologici e motivazioni fisiche: le più contrastanti. Spesso si accende, nel gioco dell’inconscio, una forte dinamica dualistica: alcuni la pensano in un modo, altri parteggiano per l’idea opposta. Anche con Cinecittà si ha, in fondo, la stessa coincidentia oppositorum: chi rimpiange che venga chiusa; chi auspica diversi investimenti e una totale ristrutturazione sposata a meri fini commerciali. Così l’opinione pubblica è perfettamente divisa: tra chi protesta e chi resta indifferente.

ccorre salvare un patrimonio che è innanzitutto culturale, storico, etico ed estetico. Con o senza obiettivo. Con o senza la macchina da presa. Coincidentia oppositorum si diceva… Cinecittà È. È per tutto il mondo. È per Noi. Non È più dal 4 luglio 2012. Ma per tutto il mondo continua ad Essere qualcosa di fondamentale, di riconoscibile, di apprezzato in senso artistico e artigianale (insieme ai grandi registi italiani, lo straordinario riconoscimento verso le nostre maestranze cinematografiche, scenografi, customisti, tecnici, stuntmen, falegnami, scultori, datori luci, fonici, attrezzisti, truccatori, sarti … sono considerati da sempre i migliori). Non dimentichiamo che nella Hollywood sul Tevere sono stati girati alcuni dei kolossal più importanti della Storia del Cinema, da “Ben Hur” a “Cleopatra”, da “Guerra e Pace” a “Gangs of New York”…

Abbiamo intenzione di girare un film-documentario, con reportage fotografico, performances, letture e rivisitazioni storiche. Dopo le numerose defezioni, restano però i partecipanti più fedeli e convinti. Un breve elenco sommario comprende almeno i nomi e le fedi dell’On. Dario Nanni (Commissione Cultura), della regista e scrittrice Iolanda La Carrubba (che si incaricherà di filmare tutta la vicenda e incorniciare le interviste); del fotografo Giovanni Marasco, sempre sensibile quando deve far coincidere paesaggio umano e deriva naturale. Amedeo Morrone, con la sua chitarra classica canterà un repertorio dedicato ai poeti contemporanei, fra i quali: Massimo Giannotta, Dante Maffia, Tomaso Binga, Marco Palladini, Francesca Farina, Lidia Riviello, Francesco Muzzioli. Tra gli scrittori che hanno assicurato la loro presenza: aniela Rampa, Paolo Carlucci, Chiara Elia, Anna Maria Curci, Nina Maroccolo e quel Plinio Perilli (autore di ROMAMOR, che evoca i grandi nomi tutelari della Roma del Novecento: Gadda, Moravia, Flaiano, Pasolini, Amelia Rosselli…), figlio del grande sceneggiatore Ivo Perilli che lavorò con i maggiori registi italiani e internazionali: Camerini, Rossellini, Monicelli, K. Vidor, J. Huston, De Santis, Comencini… Due giovani registi tedeschi, Andreas Werner e Giulia Murakani (curatori da otto anni, per il Festival di Berlino, della Rassegna “DLounge”), hanno aderito caldamente, decisi a riportare con sé, in Germania, sia la loro indignata intervista su Cinecittà che il resoconto dell’approccio umano con le maestranze e i lavoratori occupanti. Sono 220 persone a rischio licenziamento.
Nina Maroccolo, da ROMAMOR, riprenderà il capitolo sull’Ovra a Cinecittà, paradossale e feroce rievocazione storica degli anni in cui il regime fascista spiava gli intellettuali, gli attori, e censurava i film e le idee. Metafisico ma, forse, “realistico” parallelo con lo scenario e la deriva di oggi?
Nina Maroccolo per SALVIAMO CINECITTA'
*** Domenica 29, ore 19.00: la rassegna curata da Iolanda La Carrubba, “L’altra faccia della luna”, presso il CineLab dell’Isola Tiberina, ospiterà Andreas W erner e Giulia Murakani. Seguirà dibattito.



appello lanciatomi da Nina Marocolo
Sabato 28 luglio, dalle ore 16.00 a Cinecittà *
L’occhio è l’obiettivo. La persona è la macchina da presa.


Published with Blogger-droid v2.0.6

Commenti

Post popolari in questo blog

(Goethe!) Young Goethe in love (sub ita) un film di Philipp Stölzl (2010)

Poesia: Gli alberi di Franco Fortini

Pied Beauty - La bellezza cangiante poesia di Gerard Manley Hopkins