Poesia in Piazza Maggiore: reading dei ComPari


Il comunicato di un evento che fa della semplicità un valore aggiunto, riallacciandosi alla tradizione poetica.
Sabato 20 Ottobre dalle 14 alle 16
"Invitiamo chiunque abbia voglia di esprimere le proprie idee ad una partecipazione attiva al reading dei ComPari e di tutti coloro che in un sabato pomeriggio decidono di mettersi alla prova per il futuro di questo paese: 




venite ad ascoltare, leggere i vostri testi, parlare o semplicemente stare in compagnia!

h.14: ci mettiamo seduti in cerchio a leggere una poesia
h. 15: ci mettiamo in piedi a leggere al megafono!




vi aspettiamo numerosi!




Il gruppo ComPari, fondato nel 2010 da alcuni studenti dell'Università di Bologna, riunisce giovani poeti e artisti che vogliono portare un cambiamento concreto nella realtà culturale con una voce che si fa corale, sociale e collettiva.
La perdita di un'etica giovanile forte è sintomo che dimostra il fallimento della cultura. I vari sintomi che si riversano in una scrittura poetica eterogenea vanno interpretati, non come punti di arresto, ma come richieste di una vita diversa, e quindi nuova. Si vuole rispondere a una realtà politico-economica che priva i giovani della capacità di sognare e della volontà di progettare.
Le numerose letture pubbliche nei pub, nelle piazze e nelle gallerie d'arte, oltre che i vari incontri sulla poesia contemporanea, intendono coinvolgere attivamente i giovani invitandoli a prendere parola, esprimere commenti e leggere le proprie poesie."





Tra i componenti del gruppo: Roberta Sireno, Elena Carletti, Giusi Montali, Stefano Marangoni, Anna Franceschini, Giulia Imbilico, Francesca Mazzotta, Tommaso Monaci, Nicola Ambrosi, Gassid Babilonia e tanti altri nostri amici che hanno sostenuto l''ideale dei ComPari.



SEGUI ED WARNER-POESIA ANCHE SU  facebook!!!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

(Goethe!) Young Goethe in love (sub ita) un film di Philipp Stölzl (2010)

Poesia: Gli alberi di Franco Fortini

Pied Beauty - La bellezza cangiante poesia di Gerard Manley Hopkins