Poesia: Marzo di Giorgio Caproni




Marzo



Dopo la pioggia la terra
è un frutto appena sbucciato.

Il fiato del fieno bagnato
è più acre ma ride il sole
bianco sui prati di marzo
a una fanciulla che apre la finestra.


Poesia di Giorgio Caproni

SEGUI ED WARNER-POESIA ANCHE SU  facebook!!!!!

Commenti